CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE

Prevenzione e contrasto della violenza sulle donne

CONTRASTO TRATTA ESSERI UMANI

Contro la tratta e il grave sfruttamento degli esseri umani

CONTRASTO PEDOFILIA E PORNOGRAFIA MINORILE

Osservatorio per il contrasto della pedofilia e della pornografia minorile

Notizie
15.9.2016 - La Ministra Boschi invia al Parlamento la Relazione triennale sulla parità di accesso agli organi societari di amministrazione e di controllo

Il  7 settembre 2016 è stata trasmessa al Parlamento dalla Ministra Maria Elena Boschi la Relazione triennale sull’applicazione  del D.P.R. 30 novembre 2012 n. 251, concernente la parità di accesso agli organi collegiali di amministrazione e di controllo nelle società, non quotate in mercati regolamentati, controllate dalle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001, ai sensi dell’articolo 2359, commi primo e secondo, del codice civile. 

La Relazione concerne lo stato di applicazione della normativa di cui al D.P.R. n. 251/2012, alla scadenza del primo triennio dall’entrata in vigore, nonché i risultati dell’attività di monitoraggio e vigilanza svolta ai sensi del citato articolo 4, comma 1, del D.P.R., dal Dipartimento per le Pari Opportunità - Ufficio per gli interventi in materia di parità e pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Dalla Relazione emerge che a tre anni dall’entrata in vigore del D.P.R., le donne rappresentano più di un quarto dei componenti degli organi di amministrazione e controllo delle società pubbliche non quotate. In particolare, da aprile 2014 (prima rilevazione effettuata sulla base del database ricognitivo delle società pubbliche realizzato dal Dipartimento per le pari opportunità), si registra un incremento di otto punti percentuali - da 17,5 a 25,7 – di donne nei board delle società pubbliche grazie all’accesso di circa 900 nuovi componenti di genere femminile.

Tale dato assume ulteriore rilevanza poiché, nel medesimo periodo, si è verificata una diminuzione di circa 500 unità del numero di società rientranti nell’ambito di applicazione del D.P.R. n. 251/2012.

La Relazione, corredata da grafici e tabelle, si compone di cinque paragrafi:

- il primo paragrafo fornisce un quadro generale della normativa concernente l’equilibrio di genere nella composizione degli organi collegiali delle società quotate (legge n. 120/2011) e delle società, non quotate, controllate da pubbliche amministrazioni (D.P.R. n. 251/2012) e illustra il contenuto del parere reso dal Consiglio di Stato - parere n. 594/2014 – che dirime  alcuni dubbi interpretativi circa l’ambito di applicazione del D.P.R. n. 251/2012;

- il secondo paragrafo descrive specificamente la procedura seguita dal Dipartimento per le pari opportunità – Ufficio per gli Interventi in materia di parità e pari opportunità ,  ai sensi dell’articolo 4, comma 5, del D.P.R. n. 251/2012;

- il terzo paragrafo descrive l’attività di monitoraggio e vigilanza sull’applicazione della normativa di cui al D.P.R. n. 251/2012;

- il quarto paragrafo fornisce i dati riepilogativi circa l’attività svolta nel corso del primo triennio di applicazione della normativa in questione;

- il quinto paragrafo contiene alcune considerazioni finali circa i risultati del primo triennio di applicazione della normativa alle società pubbliche non quotate, anche attraverso un confronto con i risultati dell’applicazione della legge n. 120/2011 alle società quotate, tenendo conto, per queste ultime, dei dati contenuti nel Rapporto elaborato dalla Consob nel mese di dicembre 2015.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: giovedì 15 settembre 2016