CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE

Prevenzione e contrasto della violenza sulle donne

CONTRASTO TRATTA ESSERI UMANI

Contro la tratta e il grave sfruttamento degli esseri umani

CONTRASTO PEDOFILIA E PORNOGRAFIA MINORILE

Osservatorio per il contrasto della pedofilia e della pornografia minorile

Notizie
05.05.2017 - Giornata Nazionale contro la pedofilia e la pedopornografia: la Sottosegretaria Boschi apre il convegno “Pedofilia: strumenti e soluzioni di contrasto”

Si è svolto questa mattina, in occasione della Giornata Nazionale contro la pedofilia e pedopornografia, presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio, il convegno “Pedofilia: strumenti e soluzioni di contrasto” organizzato dal Dipartimento Pari opportunità e dal Telefono Azzurro.

La Sottosegretaria Boschi, che ha dato il via ai lavori alla presenza di oltre 100 studenti provenienti dalle scuole di tutta Italia, ha sottolineato l’impegno dell’Osservatorio per il contrasto alla pedofilia e alla pedopornografia minorile, istituito presso il Dipartimento Pari opportunità nell’ambito dell’applicazione del Piano Nazionale, che coinvolge Istituzioni e Associazioni per l’analisi di forme di monitoraggio e prevenzione del fenomeno.

Un momento di riflessione e confronto che ha offerto la possibilità, attraverso gli interventi del Presidente di Telefono Azzurro, Ernesto Caffo, del Sottosegretario alla Giustizia, Cosimo Ferri, della Vice Presidente del Senato, Linda Lanzillotta, del Presidente del Centro per protezione dei minori, Padre Hans Zollner, di diversi rappresentanti dell’Osservatorio Nazionale, del mondo accademico e di esperti del settore di delineare un quadro ampio su un tema così delicato per le giovani generazioni e di illustrare le possibili strade da percorrere per prevenire e contrastare il fenomeno. 

"C'è una particolare difficoltà nel denunciare che deriva dalla capacità degli adulti di ascoltare i bambini e i ragazzi - ha sottolineato la Sottosegretaria Boschi - Noi stiamo individuando delle linee guida e stiamo cercando di parlare con i ragazzi, con gli studenti. Abbiamo iniziato dei progetti pilota in alcune scuole d'Italia su come difendersi da alcuni strumenti del web e della comunicazione. Bisogna lavorare per rompere il muro di silenzio che spesso accompagna questi reati abominevoli. Le istituzioni - ha concluso Maria Elena Boschi - devono essere al fianco delle associazioni e delle famiglie, affinchè questo avvenga perchè spesso nella società civile c'è l'idea di rimuovere questa tragedia"

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: venerdì 5 maggio 2017