CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE

Prevenzione e contrasto della violenza sulle donne

CONTRASTO TRATTA ESSERI UMANI

Contro la tratta e il grave sfruttamento degli esseri umani

CONTRASTO PEDOFILIA E PORNOGRAFIA MINORILE

Osservatorio per il contrasto della pedofilia e della pornografia minorile

MUTILAZIONI GENITALI E MATRIMONI FORZATI
Intesa per la promozione di interventi contro le mutilazioni genitali femminili

L'«Intesa concernente il sistema di interventi da sviluppare per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno delle mutilazione genitali femminili» è stata siglata tra il Governo, le Regioni e le Provincie Autonome di Trento e Bolzano in materia di prevenzione e contrasto delle mutilazioni genitali femminili, per l’individuazione dei criteri di ripartizione delle risorse, le finalità, le modalità attuative ed il monitoraggio del sistema di interventi da sviluppare sul territorio nazionale per prevenire e contrastare il fenomeno.

L’Intesa costituisce il frutto di un percorso già avviato nel 2011, nell’ambito dei lavori della Commissione per la prevenzione ed il contrasto delle pratiche di mutilazioni genitali femminili, promossa dal Dipartimento per le pari opportunità, che ha visto l’elaborazione di uno specifico Piano Programmatico, redatto sulla scia dei risultati emersi dall’esperienza del primo piano programmatico del 2007.
Oltre al significativo apporto dei membri della Commissione, i contenuti del Piano si avvalgono anche del contributo delle Associazioni e delle Organizzazioni non Governative di settore.

Per l’attuazione delle finalità del Piano si ricorrerà invece allo strumento dell’Intesa, che provvederà, appunto, alla costruzione coordinata di un “sistema nazionale di interventi” e, nel contempo, al rafforzamento delle azioni di programmazione delle politiche territoriali per l’integrazione delle comunità immigrate.
Non sarà il Dipartimento a selezionare i progetti che avranno accesso ai finanziamenti ma saranno le Regioni, affidatarie delle risorse, ad esaminare e valutare le progettualità presentate e, di conseguenza, a sceglierle, specialmente in virtù dell’approfondita e ravvicinata conoscenza del territorio che possono vantare. Al Dipartimento spetterà l’attività di coordinamento e, soprattutto, la creazione di una vera e propria rete di protocolli di lavoro destinati al personale sanitario, giudiziario e di polizia.

Un’apposita Convenzione, della durata di 18 mesi, disciplinerà i rapporti tra il Dipartimento per le pari opportunità e le singole Regioni per consentire la realizzazione degli interventi previsti alla luce dell’Intesa, mentre un Comitato Tecnico ad hoc sarà istituito per favorire l’implementazione di azioni sinergiche tra le diverse istituzioni coinvolte nell’Intesa stessa.

Ultimo aggiornamento: mercoledì 16 novembre 2016